Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2011

Una bolla di vita

Lungo il fiume le ancelle preparavano la regina per il suo ultimo viaggio. Profumi, balsami, spugne di acqua fresca, teli immacolati e vesti sontuose, le migliori, avvolgevano il corpo regale. Nel lontano medioevo.
O forse ancora oggi, quando una supermamma se ne va. Le figlie, come ancelle, la preparano a festa e tutto il dolore si stempera in quell'accudimento, il ciclo della vita si completa in quel corpo molto anziano finalmente rilassato e rasserenato. E lì attorno convengono tutti quelli che da quel corpo discendono o che ad esso sono stati legati, figlie, figli, nipoti, pronipoti, generi, nuore, amici lontani e conoscenti vicini... per un attimo di fronte a quel corpo immobile tutto si racchiude in una bolla di vita. Troppi sono i pensieri per essere contenuti, troppi i ricordi che si vorrebbero fermare e fissare, troppo il desiderio che davvero ora, di là, ci sia la pace e il senso. Ci si limita a restare sospesi in quella bolla di vita, succhiandone il valore e gli insegn…

Ispirazione

Forse perché le cose a cui star dietro aumentano smisuratamente, forse perché subentra l’alterazione dei delicati equilibri delle costellazioni famigliari, forse perché ormoni, condizioni meteo, flussi del bioritmo, quadri astrali non sono ai loro massimi livelli… alle supermamme talvolta manca l’ispirazione.
Così non hanno idea di cosa preparare per cena, non sanno che vestito mettersi che le faccia sentire bene, non sanno trovare le parole giuste, non si sentono adatte a ricoprire quel ruolo lavorativo, non sanno che libro leggere, che cosa scrivere in un post; si sentono, per così dire, fuori fase. Sembra che la loro creatività ad ampio spettro sia andata in stand by, per riprendersi non si sa quando…
Ed è, a guardarlo bene, un campanello d’allarme.
Eppure le supermamme in fondo in fondo conservano un lumicino di ispirazione e forse intuiscono cosa ci vorrebbe per rinvigorirlo.
E vorrebbero sprofondare tra le coltri fino a mattino inoltrato senza nessun tipo di sveglia, ridere a crepap…

Aureole

Come fanno le supermamme a diventare sante? Non si sa esattamente quale sia la procedura, certo è che talvolta sulle loro teste di diverso colore e foggia compare un barlume, un luccichio, un alone che farebbe pensare senza ombra di dubbio ad un’aureola. Non si sa se essa compaia dopo ore o giorni di sopportazione e pazienza oppure possa apparire subitanea per un improvviso evento che le porta alla beatificazione.
Nel primo caso infatti succede che le supermamme sopportino lunghi piagnistei, infinite richieste, chiamate continue diurne e notturne; debbano mediare tra cuccioli che litigano per ore e per futili motivi; debbano aspettare fuori da palestre, piscine, assorbire vapori clorati, ascoltare discorsi non richiesti e piagnucolii di figli non loro, debbano incitare al coraggio, portare in braccio bambini addormentati sul tram, con la borsa che scivola lungo il braccio, il piumino addosso che col caldo sembra ora un cilicio, provvedere a fame e sete improvvisa, o altrettettanto impr…

Propositi da inizio anno

Tutte le supermamme, una volta inscatolato il Natale, si proiettano mentalmente al nuovo anno che pare riavviarsi davvero solo con la ripresa della scuola dei figli.
Solo con la riapertura dei magici cancelli delle scuole di ogni ordine e grado tutti i ritmi famigliari ritornano alla normalità, ovvero a quello stato di caos e multiforme varietà di attività che di normale non ha proprio nulla!
Così, per evitare che il pensiero di ritorno a quella normalità le angosci, le supermamme fanno buoni proprositi...
Preparare sempre il pranzo alla sera in modo da trovarlo pronto il giorno dopo, magari fare anche un'ipotetica lista di cibi da cucinare durante la settimana, magari dei cibi ipocalorici per tornare in forma smagliante dopo le abbuffate delle feste, magari rinunciando a quell'enorme quantità di cioccolatini che trasbordano dalle ciotole in giro per la casa, magari facendo finta che con la befana non inizi il carnevale con relativi dolci caratteristici....
Riuscire a fare andare …